Ventilazione meccanica controllata
Introduzione    
Spesso la qualità dell’aria all’interno dei nostri edifici è peggiore di quella esterna. Sono infatti numerose le fonti di inquinamento nei locali abitati: condensa dei vapori, muffe dovute all’umidità, anidride carbonica sviluppata dalle persone, ecc. Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio dell’aria nell’edificio, senza dover aprire le finestre ed evitando inutili dispersioni di calore.  
ozio_gallery_jgallery
Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura
Dettagli
 

I sistemi di ventilazione controllata o ventilazione meccanica controllata (VMC) sono impianti che consentono di gestire il ricambio dell’aria di un ambiente con l’esterno. Questo avviene senza l’apertura di finestre o porte, tramite condotte di ventilazione forzata, collegate con gli ambienti interni da aspiratori (per la rimozione dell’aria viziata o inquinata) e da diffusori (per l’immissione di aria nuova).
Sono molto diffusi nei locali pubblici - soprattutto, ma non solo - nel caso di zone adibite ai fumatori.
Normalmente sono integrati con gli impianti di riscaldamento e condizionamento (HVAC).

  • L’aria viziata viene prelevata dagli ambienti più inquinati come bagni e cucine: prima di essere espulsa all’esterno, viene convogliata in uno scambiatore di calore dove preriscalda o preraffresca l’aria pulita prelevata dall’esterno.
  • L’aria pulita di rinnovo viene introdotta attraverso i diffusori installati in locali di soggiorno o camere da letto.
    Il sistema di VMC assicura un continuo ricambio di aria, eliminando cattivi odori e sostanze inquinanti, adeguando la ventilazione al grado di occupazione dell’edificio.
 
Impianti di ventilazione a recupero energetico

 I sistemi di ventilazione controllata a recupero energetico o EVR (Energy recovery ventilation) consentono in più di recuperare parzialmente l’energia di raffreddamento o riscaldamento che verrebbe persa con un ricambio d’aria semplice (ad esempio aprendo le finestre). Questo avviene grazie all’impiego di scambiatori di calore (spesso del tipo “a controcorrente”). In questi scambiatori i flussi d’aria in uscita ed entrata vengono incrociati (senza mescolanza), in modo che un flusso riscaldi l’altro mentre si raffredda.
In questo modo, d’inverno l’aria che esce riscalda quella che entra, mentre d’estate avviene l’inverso.
Un sistema a ventilazione controllata di questo tipo è indispensabile negli edifici ad alto isolamento termico, quali le case passive.

Come funziona un sistema di VMC o EVR

Il cuore del sistema è un recuperatore di calore.
In esso l’aria viziata aspirata dall’interno cede calore all’aria pulita proveniente all’esterno, senza che ci sia miscelazione dei due flussi. L’aria di rinnovo viene preriscaldata in inverno e preraffrescata in estate e contemporaneamente filtrata, garantendo un ricambio di aria realmente salubre. L’espulsione dell’aria viziata e la distribuzione dell’aria di rinnovo avvengono grazie all’azione di una coppia di ventilatori e ad una rete di canali.

Vantaggi di un impianto VMC

L’impianto di ventilazione meccanica aumenta il livello tecnologico dell’immobile e contribuisce al suo mantenimento proteggendo le strutture dai danni causati da muffe ed eccessiva umidità dell’aria interna.
L’alta efficienza di recupero dello scambiatore di calore consente di recuperare quasi tutto il calore presente nell’aria in uscita e di trasferirlo all’aria in entrata, diminuendo sensibilmente la quantità di calore necessaria per riscaldarla.
La conseguente riduzione dei consumi energetici si traduce in una riduzione dei costi di gestione ed in un incremento della classe energetica dell’immobile.
La qualità energetica degli immobili è oggi rappresentata da un’etichetta con indicatori dalla G (efficienza minore) alla A (efficienza maggiore).
Il raggiungimento delle classi più elevate di efficienza energetica quali B ed A può avvenire solo dotando gli immobili di impianti di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore ad alta efficienza. Il passaggio di classe ad una classe energetica superiore aumenta il valore dell’immobile di circa il 10%.

Riassumendo, schematicamente i vantaggi di un impianto VMC o EVR sono i seguenti:

  • Igiene e Salute
  • Ricambio di aria continuo
  • Assenza di correnti di aria e rumori esterni
  • Eliminazione di odori, fumo e umidità
  • Comfort
  • Controllo umidità in ambiente
  • Massima silenziosità di funzionamento
  • Libertà di scelta dei terminali di diffusione
  • Guadagni e risparmio
  • Risparmio energetico assicurato
  • Aumento del valore del vostro immobile
  • Riduzione dei costi di riscaldamento e condizionamento
  • Installazione semplificata